One Way Fitness

Net - 10=30 HYDROLYZED WHEY PROTEIN & BEEF 300cpr

Net - 10=30 HYDROLYZED WHEY PROTEIN & BEEF 300cpr

Altre viste

Disponibilità: Disponibile

Prezzo di listino: € 45,00

Prezzo speciale: € 40,50

Risparmi il 10% dal prezzo di listino

Net - 10=30 HYDROLYZED WHEY PROTEIN & BEEF 300cpr

Altre viste

Dettagli

Il primo prodotto con Proteine Idrolizzate e Proteine della Carne insieme

Vai oltre le proteine tradizionali e i pool di aminoacidi. Nel pratico formato delle compressa abbiamo condensato non un classico pool di aminoacidi in fomra libera, bensì macropeptidi del siero del latte e della carne, preidrolizzati per via enzimatica, per offrirti la migliore soluzione in termine di assorbimento e biodisponibilità.
La speciale formula è costituita da:

  • Sieroproteine ultrafiltrate idrolizzate per via enzimatica Carbery Optipep®
  • Proteine isolate preidrolizzate di carne bovina BSE-Free
  • Glutamina Kyowa
  • Vitamine B6 e B12 per ottimizzare recupero, azione epatoprotettiva e metabolismo degli aminoacidi

Con un profilo aminoacidico completo in tutti gli aminoacidi essenziale e semi-essenziali presenti nella forma levogira, cioè quella maggiormente biodisponibile, si riduce al minimo lo scarto di materiale plastico inutilizzato fornendo all'organismo tutti i supporti nella loro forma più naturale.
Per questo 10 g netti di proteine contenuti in una dose di 10=30 Hydrolyzed Whey Protein & Beef producono un effetto anabolico del tutto simile a 30 g di proteine assunte nelle forme tradizionali.

L'aminoacidogramma perfetto

a cura del Dott. Marco Neri

Da molti anni il sogno dei ricercatori (ma direi anche degli atleti….) è quello di arrivare alla composizione aminoacidica ideale.
L’equilibrio perfetto fra più aminoacidi,  alla ricerca del bilancio azotato (o meglio il NNU cioè l’utilizzo netto di azoto) ottimale vale a dire vicino a 100, questo significherebbe che la totalità degli AA che compongono quel pool segue una via anabolica entrando in sintesi proteica.
I ricercatori Block e Mitchell negli anni 50 proposero il concetto di valutazione della qualità nutrizionale delle proteine sulla base dei loro specifici costituenti aminoacidici.
Evidenziarono che "tutti gli aminoacidi devono essere resi disponibili simultaneamente nei siti ove avviene la sintesi proteica e che il deficit intracellulare di anche solo un aminoacido comporta una limitazione della percentuale di sintesi proteica dell’organismo".
Il metodo più comunemente usato per valutare la qualità nutrizionale delle proteine è il VB o  “Valore Biologico Proteico”. Questo metodo consiste nel valutare l’utilizzazione dell’azoto netto (quello che abbiamo chiamato NNU) della proteina. L’utilizzazione dell’azoto si può determinare rilevando il bilancio azotato mentre viene somministrata la proteina o il pool di AA da testare.

Il bilancio azotato è dato dalla differenza tra l’apporto e l’escrezione di azoto.

La differenza può essere positiva (ritenzione di azoto, tipica dell’anabolismo e della crescita muscolare), oppure negativa (perdita di azoto, cioè catabolismo e perdita di massa magra), oppure in pareggio, cioè equilibrio di azoto
La percentuale di NNU di una proteina è relazionabile soprattutto alla sorte metabolica dei suoi componenti aminoacidici. Specialmente per uno sportivo, fra le tante funzioni a cui sono chiamati gli aminoacidi, la principale è quella di agire a favore della sintesi proteica.
La funzione energetica degli aminoacidi diventa, anche se difficile da annullare completamente, di secondaria importanza.
La sorte metabolica degli aminoacidi che si ottengono dopo la digestione delle proteine (o del pool aminoacidico) può essere di tipo “positivo” anabolico, dove gli AA agiscono a favore della sintesi proteica dove, le proteine costituite diventano elementi fondamentali per la costituzione organica delle strutture (soprattutto muscolari)
Oppure gli AA ottenuti possono seguire un percorso “negativo” catabolico dove vengono “demoliti” è c’è la scissione fra il gruppo NH2 (con eliminazione di azoto) e la parte denominata scheletro carbossilico, il tutto con la finalità di produrre energia, finalità che abbiamo però detto non essere fra quelle privilegiate per proteine e pool di AA (del resto per fare questo funzionano egregiamente carboidrati e grassi).
Abbiamo quindi  che più sono gli AA “virtuosi” che seguono la via “positiva” è più elevato sarà l’utilizzo di azoto
Dagli anni 50 ad oggi gli sforzi per arrivare alla condizione anabolica “ottimale” sono stati tanti e alcuni ricercatori sostengono di esserci andati vicino ma ancora non ci sono molte certezze.
Senza spingerci in voli pindarici è però possibile cercare di coniugare la teoria con un’altra caratteristica importante la praticità d’uso e un ottimo rapporto costo/beneficio.
Chiaramente esistono ottime proteine che hanno valori qualitativi eccellenti, questo come l’abume d’uovo (con Valore biologico 100) e la tecnologia ci ha messo a disposizione la parte più pregiata del latte; il siero (con VB uguale a 104).
Questi profili aminoacidi , certamente di altissimo profilo, non sono però ancora “perfetti”; inoltre peccano sotto l’aspetto della praticità, infatti non tutti hanno la possibilità, durante il giorno di assumere una polvere proteica.
Diverso invece un pool di AA, questi possono infatti essere assunti da chiunque , rapidamente, in qualsiasi momento con grande praticità di trasporto.
Si ha inoltre che gli AA, magari idrolizzati, sono pronti ad essere assorbiti nel primo tratto dell’intestino tenue in meno di 30 minuti.
Logicamente gli AA in pool bilanciato non hanno lipidi e carboidrati.
Da quanto detto in precedenza abbiamo che il bilanciamento degli AA che compongono un pool è il fattore chiave che determina la sua capacità di influenzare positivamente l’anabolismo.
Come accennato vi è infatti una relazione inversamente proporzionale fra la quota anabolica (aminoacidi che stimolano la sintesi proteica) e la quota catabolica (aminoacidi che non riescono ad essere utilizzati con finalità plastiche e maggiori scorie azotate).
Occorre considerare che i “comuni” cibi proteici (comunque irrinunciabili in una alimentazione “sana” e gratificante) inducono la produzione di scorie azotate tra il 50% e l'85%, questo poiché comunque contengono anche aminoacidi che, non essendo utilizzati al 100%, seguono una via catabolica
Si ipotizza che un pattern aminoacidico “perfetto” possa , in base al suo NNU, andare a coprire l’azione di 4 gr di proteine, il valore può sembrare elevato (anche se alcuni parlano di 5:1), si potrebbe essere anche un poco meno ottimisti (o realisti, secondo i punti di vista) e azzardare un rapporto 3:1, quindi 1 gr di AA ben bilanciati potrebbe sopperire a 3 gr di proteine.

Si potrebbe quindi ipotizzare che chi è abitualmente assumere 25/30 gr di proteine potrebbe avere lo stesso effetto “plastico” assumendo 8/10 gr di Pool.

Il centro ricerche Net Integratori ha lavorato su questo concetto, ha pensato ad una formulazione semplice ma efficace che potesse offrire un valido pool aminoacidico che assumesse valenze plastiche coniugando praticità d’uso e costo adeguato e ben accessibile.
Il lavoro sperimentale ha preso in considerazione vari mix aminoacidici ma alla fine la scelta è caduta su una base di AA da proteine idrolizzate concentrate del siero del latte  e a queste si sono aggiunti AA derivati da proteine di derivazione carnea.
Nasce così il 10=30 HYDRO WHEY & BEEF, senza dubbio una proposta unica, innovativa e stimolante sia dal punto di vista tecnico che sotto il rispetto di quei parametri qualità/prezzo che erano stati i parametri guida con cui ricercare la formula migliore.
Già il binomio siero del latte e carne permette di avere un quadro aminoacidico estremamente interessante, un quadro non solo ricco di essenziali ma anche con un prospetto di AA sinergici altamente funzionale all’equilibrio plastico. Per andare a correggere positivamente il quadro totale è stata poi aggiunta la Glutamina  micronizzata che permette di elevare ulteriormente lo standard del pattern aminoacidico così ottenuto.
Il pool 10=30 HYDROLYZED WHEY & BEEF della Net Integratori stabilisce una nuova tappa di riferimento della supplementazione, una esclusiva che propone agli utenti un modo nuovo, altamente efficace e pratico, di assumere l’integrazione proteica.

Specifiche del prodotto

Specifiche del Prodotto

Info Nutrizionali

 

VALORE ENERGETICO 100 g Dose*

RDA**

360,6 Kcal
1532,56 Kj
47 Kcal
199,75 Kj
 
Proteine 77 g 10 g  
Carboidrati 2,9 g 0,4 g  
Grassi 4,6 g 0,6 g  
B6 - Piridossina 10,8 mg 1,4 mg 100%
B12 - Cianocobalamina 19,2 μg 2,5 μg 100%
L-Glutammina micronizzata 3 g 390 mg  
*10 compresse   **Razione Giornaliera Raccomandata

 

PROFILO AMINOACIDICO

100 g Dose*
L-Alanina 7,95 g 0,79 g
L-Arginina 6,35 g 0,63 g
L-Acido Aspartico 11,23 g 1,12 g
L-Cisteina 2,32 g 0,23 g
L-Acido Glutammico 18,57 g 1,86 g
L-Glicina 11,33 g 1,13 g
L-Istidina 2,02 g 0,20 g
L-Isoleucina 5,97 g 0,60 g
L-Leucina 11,45 g 1,15 g
L-Lisina 10,56 g 1,06 g
L-Metionina 2,12 g 0,21 g
L-Fenilalanina 4,15 g 0,41 g
L-Prolina 9,01 g 0,90 g
L-Serina 5,68 g 0,57 g
L-Treonina 7,71 g 0,77 g
L-Triptofano 1,38 g 0,14 g
L-Tirosina 3,07 g 0,31 g
L-Valina 6,67 g 0,67 g
*10 compresse da 1,130 g

 

INGREDIENTI:
Sieroproteine concentrate idrolizzate Carbery Optipep®, proteine di carne bovina isolate idrolizzate, Glutammina micronizzata KYOWA™, PVP, Magnesio Stearato, Silicio biossido, Piridossina B6, Cianocobalamina B12.

Avvertenze

Leggere sempre le avvertenze riportate in etichetta prima di assumere ogni integratore.


- Gli integratori non devono sostituire una dieta variata.
- Per gli integratori di proteine e creatina in caso di uso prolungato (oltre6/8 settimane) è necessario il parere del medico,
  inoltre gli stessi sono da sconsigliare in caso di patologia renale, epatica, in gravidanza e al di sotto dei 12 anni.
- Per i prodotti considerati termogenici che riportano in etichetta caffeina e/o sinefrina estratta dal citrus aurantium si raccomanda
  di consultare sempre il medico prima di assumerli e in ogni caso sconsigliati in presenza di cardiovasculopatie e/o ipertensione.
- Tenere lontano dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni.
- Prima di iniziare qualsiasi programma dietetico con utilizzo di integratori alimentari è opportuno consultare uno specialista in medicina dello sport  o il proprio medico di base.

Produttori Net

Tag prodotto

Usa gli spazi per tag separati. Usa apostrofi singoli (') per frasi.

controllonagiosimseo